Il giorno delle nozze: la tradizione del “Qualcosa di vecchio, di nuovo, di prestato, di blu”

Tutte le spose sanno che il giorno delle nozze dovranno indossare qualcosa di nuovo, qualcosa di blu, qualcosa di vecchio e qualcosa di regalato…ma perché? E’ una di quelle cose che si fanno per tradizione ma non se ne sa l’origine.

L’origine di questa tradizione è inglese, di epoca vittoriana, è molto antica e recitava così:

“Something old,
something new,
something borrowed,
something blue,
and a silver sixpence in her shoe.”

Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo.
Qualcosa di prestato, qualcosa di blu.
E una moneta da sei pence nella scarpa.

L’usanza è stata rispettata per decenni dalle spose di tutte il mondo. Ci sono prove stampate in un’edizione del 1894 di un giornale di New York come già era diventata un’abitudine. Nessuna sposa, per gioco o per convinzioni, arriva all’altare senza rispettare questa tradizione, procurando questi cinque simboli pieni di magia e superstizione, alcuni sono stati imposti anche dalla moda o la tendenza.

Il giorno delle nozze, cosa significa la tradizione “Qualcosa di vecchio, di nuovo, di prestato, di blu”

Ma cosa significano?

Qualcosa di Nuovo: simboleggia l’ottimismo e la speranza per il futuro. Rappresenta fortuna ed esito per la futura vita coniugale.

Alcune idee (anche se quel giorno di cose nuove indosso ne avrete!!!):

  • Acquistare un nuovo rossetto ;
  • Un nuovo profumo per la sposa;
  •  Un gioiello per utilizzarlo nel giorno del matrimonio, come un bracciale, orecchini, una collana;
  • L’abito da sposa o scarpe nuove.

Qualcosa di vecchio: simboleggia che i legami familiari e quello con gli amici non si rompono, ma si trasformano solo per adattarsi ad una nuova vita comune. Il legame con il passato che è lasciato alle spalle. L’idea è di ottenere un accessorio che sia stato usato da qualcuno felice in famiglia, un oggetto d’eredità, o un pezzo sentimentale che rappresenta il passato della sposa. Può essere un gioiello di famiglia o di un elemento come il velo della sposa, che per tradizione familiare viene trasmesso da madre a figlia. Se l’obbietto vecchio è stato anche prestato per l’occasione, svolgerà un duplice ruolo all’interno della tradizione.

Altre idee per il giorno del matrimonio:

  • Scegliere un’auto d’epoca per il trasporto della sposa.
  • Decorare con nastro di seta d’epoca il bouquet della sposa o l’abito da sposa, perfetto anche per gli sposi in spiaggia.
  • Usare un vecchio segnalibro per contrassegnare le letture della cerimonia.
  • Per il cuscinetto degli anelli, usare un cuscino utilizzato durante l’infanzia.
  • Un gioiello lasciato in eredità come un anello di fidanzamento o fede nuziale, una spilla, orecchini, bracciale, collana o forcine.
  • Una vecchia spilla per cappello nel bouquet della sposa.
  • Cucire un bottone di un vecchio vestito all’interno del vestito da sposa.
  • La tiara, o il velo.
  • Guanti Vintage bianchi.
  • Alcuni pezzi di tessuto del vestito da sposa della madre o la nonna e cucirlo dentro del vestito dalla sposa.

Qualcosa di blu: Questa usanza nasce nell’antico Israele, dove le spose indossavano una banda blu a simboleggiare la purezza, l’amore e fedeltà. Oggi, la pratica si è limitata ad indossare qualcosa di blu, ma significa ancora fedeltà ed amore duraturo. Ci sono molti modi per integrare il colore blu il giorno del matrimonio. Potrebbe essere, ad esempio, il tema “Blue”, è una bell’occasione per le spose che amano questo colore, così potranno usare il colore blu come fil rouge dell’evento.

Altre idee:

  • Confetti blu
  • Una giarrettiera blu
  • Un dettaglio blu nell’abito
  • Nastri blu o fiori blu nel bouquet della sposa
  • Mettere mirtilli come centrotavola
  • Utilizzare scarpe con suola blu ( ormai molte ditte di scarpe da sposa le fanno)
  • Indossare uno zaffiro, opale, o gioielli colore acqua marina
  • Un bouquet con qualche fiore blu
  • Una penna blu per la firma del certificato di matrimonio

Qualcosa di prestato: rappresenta la convinzione che la felicità può essere attratta utilizzando qualcosa preso in prestito da qualcuno che è felicemente sposato. Oggi, è un simbolo d’amicizia da parte della persona che presta l’oggetto. L’articolo prestato può essere qualcosa di rilevante o rappresentativo per la persona che presta. L’oggetto in prestito deve essere restituito al proprietario, una nota di ringraziamento è sempre apprezzata e appropriata…del resto ci stanno prestando un po’ di felicità in più!! Alcune idee:

  • Una collana, orecchini, bracciale
  • L’abito da sposa prestato dalla madre, un’amica, una delle nonne o anche una bisnonna.
  • Ornamenti per capelli
  • Gioielli in prestito

E una moneta nella scarpa: come simbolo di prosperità e sicurezza economica per la nuova famiglia nel cammino che s’inizia. La moneta è tradizionalmente collocata dentro la  scarpa sinistra della sposa, ma può anche essere cucita nell’orlo o il rivestimento del vestito…per evitare di soffrire oltre che per i tacchi anche per la moneta!!

Il giorno delle nozze: cosa “evitare”, invece, per scaramanzia

Di tradizioni scaramantiche ce ne sono tantissime altre oltre questa. Ad esempio, un’altra usanza curiosa è stata il divieto per secoli, di regalare perle alla sposa poiché una perla  simboleggiava una lacrima, e quindi supponeva che regalare perle in occasione di un matrimonio, o addirittura farle vedere durante la cerimonia attirava la disgrazia e il pianto sui contraenti.

In realtà questa usanza è stata sfatata ma proveniva da antiche storie giapponesi di pescatori di perle, che spesso si immergevano senza buone attrezzature per pescare le perle e morivano, lasciando così mogli e fidanzate in lacrime a causa delle perle. Ma oggi le perle sono tornate in gran voga come gioiello e come decorazione di molti abiti…ma se siete proprio molto scaramantiche a riguardo…evitate!

E poi lo sapete che la sposa prima del matrimonio:

  •  non deve guardarsi allo specchio con il vestito da sposa completo..si può fare solo togliendo una scarpa, un orecchino o un guanto.
  • porta sfortuna acquistare nello stesso momento l’anello di fidanzamento e le fedi nuziali.
  • è di cattivo augurio mettersi al dito la fede prima della celebrazione del matrimonio.
  • il velo indossato dalla sposa è considerato più fortunato se donato da una sposa felice.
  • lo sposo può offrire alla sposa alla fine del rito una spiga di grano, un gesto bene augurante che fa riferimento alla terra e alla fertilità.
  • gli sposi non si devono vedere prima dell’incontro in chiesa. Ma non solo: lo sposo non deve mai vedere il vestito della sposa se non al momento della cerimonia,vederlo prima porterebbe sfortuna.
  • lo sposo già uscito di casa per recarsi in chiesa non deve tornare indietro se ha dimenticato qualcosa…meglio avere un amico o un testimone vicino in quel giorno per aiutarvi nelle urgenze.
  • non fate cadere le fedi in chiesa, se dovessero cadere andranno raccolte solo da chi celebra il rito.

Dicerie e tradizioni, vere o false che siano…certo è che anche queste fanno parte di quei piccoli rituali che accomunano tutte o quasi tutte le spose del mondo ed è anche bello durante i preparativi seguirne qualcuna; occhio però a non esagerare per evitare di vivere quel giorno con l’ansia che qualcosa possa andare storto e condizionare il nostro matrimonio…finché morte non ci separi!!! Alla prossima!

 

Tags