Il Vestito da Sposa di Chiara Ferragni

È stato uno dei matrimoni più attesi degli ultimi anni e una delle principali curiosità era vedere il vestito da sposa di Chiara Ferragni.

Oltre l’incredibile lista di invitati e alla favolosa location in quel di Noto (Sicilia), di cui parleremo nei prossimi articoli, l’outfit della sposa più celebrata (almeno in Italia) degli ultimi decenni è stato apprezzato dalla maggior parte del popolo del web.

Il Vestito da Sposa di Chiara Ferragni: semplicemente Dior

A creare il vestito da sposa di Chiara Ferragni è stata Maria Grazia Chiuri direttore creativo (per le linee da donna) della casa Dior.

Chi si aspettava un abito appariscente o particolarmente “tamarro” è rimasto molto, ma molto deluso.

Formato da un corpetto interamente in pizzo, a collo alto e abbastanza aderente, l’abito è chiaramente ispirato a quello leggendario indossato da Grace Kelly, probabilmente nella top 3 delle principesse più amate dello scorso secolo, nel 1956 per il matrimonio con Ranieri di Monaco.

A completare il vestito da sposa di Chiara Ferragni, una lunga e vaporosa gonna interamente in tulle con uno spacco centrale con vista sulle gambe della super-influencer italiana. Ai piedi delle sling back bianche con il suo nome a personalizzarle.

Per quanto riguarda il velo lo si può molto leggero, diversamente dallo “strascico” abbastanza importante.

Il Vestito da Sposa di Chiara Ferragni

Come detto in precedenza, sembra che l’outfit “principesco” della reginetta dei social sia stato approvato dal suo “regno”, ovvero quello dei social. Non si può dire certo che la Ferragni non ne capisca di stile, dato che ha costruito il suo intero regno proprio in quest’ambito, sapendo sfruttare per prima i Social (ovviamente in Italia), per creare un business che, fino a questo momento, non è stato ancora eguagliato da nessuna figura emersa dopo il suo Boom.

Negli articoli delle prossime settimane faremo ancora dei focus sul matrimonio italiano più importante degli ultimi decenni, quindi per il momento, ancora auguri ai “Ferragnez” da tutta la redazione del Nabilah.

 

 

Tags