Le spese di Matrimonio: chi deve pagare cosa?

La data delle nozze è stata decisa, ora resta da capire in che modo le famiglie si divideranno le spese di matrimonio secondo il galateo: a voi la scelta se rispettarlo o meno!

E’ importante sottolineare infatti che non ci sono norme da rispettare a tutti i costi, ma che esiste una guida che può più o meno condurre ad una corretta gestione delle spese matrimoniali.

Vediamo dunque chi deve pagare cosa in base al galateo.

Spese di matrimonio, come vengono divise

Gli abiti: ad ognuno il suo

Secondo il galateo delle nozze, l’abito nuziale lo compra il padre della sposa e, se volete essere accompagnate da damigelle con lo stesso look, spetta alla famiglia della sposa tessuto e confezionamento. La famiglia dello sposo, invece, provvederà all’abito da cerimonia da uomo che indosserà il  futuro marito, completo di tutti gli accessori. Per quanto riguarda invece gli abiti degli eventuali paggetti,  saranno a carico della sposa.

Il ricevimento: la famiglia della sposa

Per quanto riguarda location e allestimenti, la tradizione vuole che siano  i genitori della sposa ad occuparsi di queste spese di matrimonio. I familiari della sposa dovranno scegliere il ristorante più adeguato, o magari optare per una location suggestiva, chiamando un servizio di catering per l’occasione. Anche gli allestimenti, sia della chiesa, che della location, fino alla preparazione del corner delle bomboniere, sono a carico della famiglia della sposa.

I dettagli: sempre la sposa?

Segnaposto, fiori e inviti di matrimonio sono tutti a carico della famiglia della sposa, così come il servizio fotografico e l’intrattenimento musicale. Anche il corredo nuziale è a cura dei genitori della sposa (biancheria, lenzuola, asciugamani), stesso discorso per il bouquet di fiori.

Casa e luna di miele

E la famiglia dello sposo che oneri ha per le spese di matrimonio? Il galateo prevede che la casa dei neo sposini sarà donata dai genitori del marito. In passato, infatti, funzionava così: era la donna ad andarsene dalla casa di famiglia, portando con sè la “dote”. Teoricamente tutto segue questa logica, basti pensare a come si tramandano i cognomi nella nostra società. Oggi però anche la casa è un concetto relativo: ci sono da un lato più possibilità e dell’altro più problemi economici. Alcuni sposi scelgono di andare in affitto in vista di un investimento futuro o a causa di un lavoro instabile. Il galateo prevede che i complementi d’arredo della casa coniugale debbano essere spesati dalla famiglia dello sposo, fatta eccezione per il materasso del letto matrimoniale, che spetta a quella della sposa. Il viaggio di nozze è il regalo che la famiglia dello sposo dovrebbe fare alla coppia, anche se attualmente sono proprio gli sposi a pagarselo da soli.

Gli anelli: lo sposo o i testimoni?

Allo sposo spetta l’acquisto dell’anello di fidanzamento (che, lo ricordiamo, secondo la tradizione dovrebbe essere un solitario con diamante) ma anche delle fedi nuziali. Ormai però si sta diffondendo sempre di più l’usanza che siano i testimoni a comprarle.

E gli invitati che vengono da lontano?

Il pernottamento degli invitati che vengono da fuori ed eventualmente il loro spostamento in autobus dalla chiesa alla location come  ad esempio nel caso di un matrimonio in spiaggia Napoli, dovrebbe essere a carico della famiglia dello sposo.

La verità assoluta è che, a prescindere dal galateo, ogni cosa che riguardo il matrimonio va fatto in base alle proprie disponibilità economiche, evitando comunque gli eccessi.

 

Tags